Carta da Parato

La carta da parato è un particolare genere di carta che viene usato in tappezzeria per rivestire le pareti interne.

La composizione della carta da parati può avere varie origini di tipo naturale (lino e cellulosa) oppure sintetico (PVC e nylon); i prodotti che si trovano oggi in commercio possono essere non infiammabile e lavabili. Uno degli ultimi ritrovati è rappresentato dalla carta da parati realizzato in Tessuto Non Tessuto.

La carta da parati è nata in Europa durante il Dodicesimo Secolo, la carta a quel tempo veniva dipinta a mano, o tramite dei rulli manuali, per poi essere applicata alle pareti. Durante il secolo scorso, esattamente negli anni Settanta, la carta da parati ha avuto il suo più largo impiego.

Per applicare la carta da parati è solitamente opportuno contattare un tappezziere, ma è possibile procedere anche tramite il “fai da te”, infatti si trovano in commercio rotoli di carta da parati, essa ha delle misure standard, fissate dall’IGI con lunghezza 10,05 m e larghezza 0,53 m.

I disegni riprodotti sui modelli di carta da parati che si trovano in commercio sono molto vari, seguono la moda del momento, ce ne sono comunque alcuni che ricalcano disegni classici ed altri hanno motivi geometrici o moderni.

  • Sponsorizzazioni